Feedback ed Empatia nella vita di ogni giorno

3 Maggio 2022

A cura di Francesca Maggioni, Consulente Senior di Eu-tròpia

Prima di affrontare il tema del Feedback serve fare una premessa. Se ne sente parlare spesso soprattutto nei contesti organizzativi e nel mondo del lavoro. Può essere definito come lo strumento per eccellenza a disposizione dei Manager per raggiungere un’efficace gestione dei propri collaboratori.

Attraverso un buon feedback un Manager può anzitutto comunicare apprezzamento alle sue persone, riconoscendo loro i meriti per un lavoro ben fatto, un risultato importante o un contributo costruttivo.

Il feedback può anche essere usato per supportare la crescita e lo sviluppo dei propri collaboratori, aiutandoli a riconoscere qualcosa che non riescono a vedere, e che magari non va del tutto bene – un comportamento, un modo di agire, una non piena competenza – per prenderne consapevolezza e, se possibile, cambiare e migliorare.

Facciamoci però una domanda: perché limitare il Feedback ai contesti lavorativi? Perché non sfruttarne il potenziale nella vita di ogni giorno?

Se ci pensiamo bene il Feedback è uno strumento che abbiamo a disposizione tutti in qualunque circostanza e relazione, utile per trasmettere in modo efficace dei messaggi alle persone con cui viviamo, di incoraggiamento ma anche di richiesta di cambiamento.

La rilevanza di un Feedback non è però nelle tematiche che ne sono oggetto: non esistono concetti più frequenti, illustri o nobili. Il suo vero valore è nel modo in cui viene dato e nelle parole che sono utilizzate, che devono essere al tempo stesso incisive, empatiche e rispettose per chi le ascolta.

E allora come dev’essere un Feedback per essere davvero efficace, qual è un “buon Feedback” ?

Partiamo anzitutto da un’osservazione attenta ma rispettosa di ciò che l’altra persona fa o dice, senza giudizio o pregiudizio ma limitandoci a capire se quel comportamento ci arricchisce e ci fa sentire bene o, se al contrario, non ci piace. Fermiamoci ai fatti e ai dati concreti. Una volta colti esplicitiamoli e condividiamoli con chi stiamo osservando.

Chiediamoci poi come ci fa sentire e quali sentimenti ci fa provare ciò che abbiamo osservato. Ci sentiamo felici, tristi, sorpresi, irritati, divertiti, gratificati, delusi, spaventati? Prendiamo consapevolezza di tutto ciò che proviamo, identificando e dando un nome a quelle emozioni.

Cerchiamo infine di capire dove ci portano le emozioni provate: quale nostro desiderio celano? Prendiamo coscienza del nostro bisogno, condividiamolo con l’altra persona e chiediamole di regolare il suo comportamento in linea con le nostre necessità.

Questa richiesta è indispensabile per aiutarci a mantenere alto il nostro benessere, ma al tempo stesso positiva e proficua la relazione tra di noi. Se quello che osserviamo nell’altro – il suo atteggiamento, il suo modo di comportarsi, il suo modo di comunicare in una data situazione – ci fa stare bene e ci arricchisce, chiediamo di proseguire in quello che sta facendo e nel suo modo di essere, magari anche rafforzando quel comportamento. Se invece l’emozione che proviamo di fronte al suo agire non è piacevole e intacca il benessere nostro o di chi ci sta vicino, forse anche a danno della relazione stessa, chiediamo all’altra persona di modificare il suo comportamento o di avviarne uno diverso.

Un feedback, se dato in modo costruttivo e non critico o polemico, può portarci ad esprimere con chiarezza ciò che ci piace e ciò che ci piace meno, senza dare per scontato che le altre persone possano o debbano arrivarci da sole. Si tratta di una forte presa di consapevolezza, tanto per noi quanto per gli altri.

Perché sì, l’altro valore del feedback è il suo essere un “dono” per la persona a cui lo comunichiamo. Se disposta ad ascoltare le nostre parole in modo a acritico e scevro da valutazioni o rimproveri, può infatti cogliere l’opportunità di far luce sulle proprie “aree cieche” che, se scoperte, permettono di apprendere, crescere e migliorare, traducendosi così in gesti, comportamenti e competenze nuove o migliori.

Pensiamo alle nostre relazioni, soprattutto quelle più quotidiane, frequenti o ad alta intensità emotiva: attraverso un buon Feedback possiamo favorire in ciascuna di esse il dialogo e la comprensione reciproca, aumentando di conseguenza il senso di sicurezza e di fiducia nelle relazioni stesse, prevenendo possibili fraintendimenti e conflitti.

Ricordiamoci una cosa: un buon feedback parte della nostra sfera percettiva, prende forma in quella cognitiva e si realizza appieno sottoforma di emozione. Basandosi sulla solida consapevolezza di ciò che percepiamo, sentiamo e desideriamo dobbiamo giungere a posizionare l’empatia al centro della relazione con le altre persone, per aiutarci concretamente a sostenere e preservare il benessere nostro e di chi ci sta vicino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ultimi articoli

| Eu-tropia | Lascia un commento

THEATRE (and) EMPOWERMENT

Il teatro come metafora dell’azienda: sviluppa le potenzialità del team con un approccio ludico-teatrale Il teatro è un potente strumento che attiva più dimensioni di consapevolezza, personale e collettiva, mettendo in campo un’esperienza che allena le capacità trasformative, performative e comunicative dell’essere umano. La dimensione teatrale dà l’occasione di rivelare qualcosa di più di se […]
| Eu-tropia | Lascia un commento

Il mindset che favorisce la Serendipità

di Sarah Noemi Bonomi Articolo originale pubblicato su https://www.managementtalks.it/2022/12/11/il-mindset-che-favorisce-la-serendipita/ Che beneficio può esserci nel trovare ciò che non si sta cercando?  Ti è mai capitato di fare una scoperta fortuita, non frutto di una ricerca precisa in quella direzione? È accaduto e continua ad accadere a ricercatori, scienziati e scrittori, esploratori, che compiono scoperte inattese […]
| Eu-tropia | Lascia un commento

IKIGAI: ricerca la tua felicità nel tuo senso della vita

a cura di Daniel Di Martino, Dottore in Psicologia per il Benessere. “La ricerca della felicità è una missione che dura un’intera vita e noi possiamo avere un ruolo attivo in questo, decidere di vederla e fare il possibile per raggiungerla, inseguendo ciò che ci fa battere forte il cuore e ci illumina gli occhi.” […]

Privacy Policy

Copyright © Eu-tròpia Srl